IMG-20180205-WA0003
Micro pali presso infissiPiastre a 90° di fissaggio micropressMicropali presso infissi realizzati in cucina abitataMicropali presso infissi realizzati in spazi ristrettiMicropali presso infissi realizzati in scantinatoPiastra di bloccaggio pianaMicropali presso infissi realizzati in scantinatoConsoldamento fondazioneConsoldamento fondazioneMicropali presso infissiCarotaggio fondazione pre infissioneMicropali presso infissi realizzati in scantinato

Micropali Pressoinfissi

Micropali presso infissi

I micropali micro-press vengono realizzati infiggendo nel terreno, tramite un’infissore idraulico collegato a centralina esterna, tubi in acciaio con opportuna punta e finestrati lateralmente in modo da permettere alla successiva iniezione cementizia di fuoriuscire.

Occorre sia presente una trave in cemento armato (o una platea o un plinto),che verrà eventualmente carotate in corrispondenza dell’attraversamento dei micropali, in modo da vincolare l’infissore con tirafondi.

In caso non sia presente una trave di fondazione in cemento armato ne verrà realizzata una ex-novo che verrà posizionata a fianco alla muratura esistente realizzando mensole in c.a. che si innestano sotto alla muratura o inghisandola con barre filettate.

È possibile valutare istantaneamente durante l’infissione, la portata alla punta del micropalo tramite manometro posizionato sulla macchina, evitando cosi ulteriori oneri di collaudo, infatti si esegue praticamente per ciascuno una prova di carico.

Il micropalo viene iniettato in pressione durante l’infissione con boiacca cementizia evitando cosi eventuali franamenti del terreno e garantendo l’integrità del  getto in qualsiasi tipo di terreno e in presenza di falda.

L’infissore ha un’impronta a terra di circa 50cm x 50 cm, e può lavorare senza creare disagi anche in ambienti interni, infatti non produce rumore, polveri, vibrazioni e gas di scarico.

Compattando il terreno durante l’infissione, il micropalo avrà una portata maggiore senza creare materiale di risulta dalla perforazione, evitandone cosi anche i costi per la rimozione e lo smaltimento.

Raggiunta la maturazione della malta, alla portata di punta misurata durante l’infissione, si sommerà la portata laterale del micropalo.

La durata di esecuzione di questi micropali è decisamente minore di quelli trivellati. Si riesce quindi ad accorciare decisamente questa fase di lavorazione nell’ottica di un cantiere con tempi di realizzazione ristretti.

Infine, a differenza dei pali mega e dei micropali a spinta eseguiti dalla concorrenza, il tubo di armatura è protetto esternamente dalla boaicca cementizia e quindi non subisce la corrosione dovuta al contatto diretto con il terreno, inoltre la portata per attrito laterale sarà decisamente superiore rispetto a quella del tubo liscio.

 

Categoria:

Descrizione prodotto

VE.I.CO.PAL. è in grado di realizzare micropali (sia per nuove strutture che per consolidamento fondazioni) anche tramite un infissore idraulico.
Sono armati (tubolare in acciaio) e gettati (boiacca cementizia o specifico betoncino) in modo equivalente ai micropali trivellati.
Occorre pero una fondazione in cemento armato che faccia da contrasto su cui ancorare la macchina.

Le fasi esecutive possono essere così schematizzate:

1.a – : in caso di fondazione in c.a. (trave, platea, cordolo, ecc.)IMG_7416

esistente, occorre carotare la fondazione in corrispondenza dell’attraversamento

del micropalo e fissarvi 4 tirafondi intorno in modo da ancorare l’infissore durante la fase di spinta

 

 

 

 

 

Inserimento piastre pre realizzazione fondazione in c.a.1.b – : in caso di fondazione realizzata in altro modo (in muratura, a sacco, in cemento non armato,ecc.) occorre realizzare un cordolo in c.a. ex-novo che si innesti sotto alla fondazione esistente, predisponendo di già piastre e il passaggio per i tubi

 

 

 

 

 

 

 

IMG_7422

2 – : posizionamento dell’infissore e spinta dell’armatura tubolare con punta a perdere fino al raggiungimento della profondità/carico desiderato.

 

 

 

 

 

 

 

IMG_7424

•3 –  : getto della miscela cementizia in pressione (acqua-cemento425, rapporto A/C 0,5, con 8 q.li di cemento/m3, oppure con specifico betoncino da micropalo) . In caso il foro non si autosostenga, l’iniezione di boiacca cementizia sarà contemporanea all’infissione, in modo da evitare franamenti e tagli del getto.

 

 

 

 

 

 

 

4

 

• 4 –  : a fine iniezione, il micropalo viene ulteriormente bloccato alla fondazione con una piastra metallica opportunamente calcolata fissata sui 4 tirafondi utilizzati per ancorare l’infissore.

 

 

 

I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici:

• nessuna produzione di rumore, polvere e vibrazioni (ideale per operare in ambienti interni abitati)
• ingombri ridottissimi (ideale per operare in ambienti interni abitati)
• possibilità di recuperare il cedimento
• controllo istantaneo della portata del micropalo durante l’infissione tramite manometro (si fa una prova di carico su ogni micropalo)
• con i micropali presso-infissi il terreno viene compattato, aumentandone le caratteristiche meccaniche e non si ha inoltre l’onere dello smaltimento del terreno di risulta che fuoriesce durante la realizzazione dei micropali trivellati.