Ambiente

Considerazioni Ambientali

Descrizione prodotto

RESINE POLIURETANICHE

Le resine impiegate, costituite da polioli e isocianati, opportunamente miscelate con specifiche apparecchiature, permettono di ottenere una schiuma poliuretanica rigida idonea per essere utilizzata per il consolidamento del terreno e il riempimento di cavità sotterranee.

Questa schiuma poliuretanica è un materiale resistente all’attacco biologico, che non favorisce la crescita di muffe e funghi. Numerosi studi effettuati negli anni sulle schiume poliuretaniche rigide, hanno permesso di classificare i poliuretani come materiali inerti rispetto alle colture di microrganismi.

VE.I.CO.PAL. utilizza per le iniezioni in profondità resine poliuretaniche idrorepellenti e non degradabili al contatto con l’acqua. Queste caratteristiche, oltre a quella di avere un’ottima resistenza ai solventi ed agli agenti chimici in generale, hanno fra l’altro permesso l’attuale classificazione della schiuma poliuretanica come di un materiale adatto ad essere conferito in discariche come Rifiuto Speciale (in quanto di provenienza industriale), assimilabile ai Rifiuti Urbani.

Per quanto ai componenti allo stato liquido, i polioli e gli isocianati utilizzati per l’ottenimento della schiuma poliuretanica risultano non pericolosi per l’ambiente ai sensi delle seguenti normative:

DLGS 03/02/1997n. 52 (classificazione, imballaggio ed etichettatura sostanze pericolose)
– DLGS 17/03/2003 n. 65 (classificazione, imballaggio ed etichettatura preparati pericolosi)
– DLGS 02/02/2002 n. 25 (rischi derivanti da agenti chimici durante il lavoro)
– D.M. Lavoro 26/02/2004 (limiti di esposizione professionali)
– D.M. 28/02/2006 (recepimento Direttiva 2004/73/CE 29° ATP)
– Direttiva 2006/8/CE (modifica della direttiva 1999/45/CE sui preparati pericolosi)
– Regolamento CE n. 1907/2006 (REACH)